Articolo
Testo articolo principale

Castelluccio di Norcia è entrato nel cuore di ogni italiano, soprattutto dopo il dramma del terremoto nel Centro Italia. La fioritura di Castelluccio di quest’anno è, a diritto, una delle più belle degli ultimi 10 anni e sta attirando moltissimi turisti da ogni zona d’Italia e in particolare dal Centro Italia.

Uno degli spettacoli della natura più intensi e spettacolari della bella stagione. Una magia in cui l’uomo e la natura si incontrano come in un incantesimo.

A fare da cornice c’è Castelluccio di Norcia, un piccolo borgo nella Valnerina, custodito gelosamente dal Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Qui siamo a 1452 metri sul livello del mare, a una manciata di chilometri da Norcia. 

La fioritura Castelluccio di Norcia si apre in un altopiano sterminato sopra a un piccolo colle e la tavolozza colori della fioritura è spettacolare. Uno spettacolo unico che si concentra tra mesi di maggio e luglio di ogni anno, anche se è soprattutto nelle prime settimane di luglio che lo scenario è da non perdere.  

Fioritura Castelluccio, quando c’è

La piana di Castelluccio di Norcia fiorisce nelle settimane che vanno da maggio a luglio di ogni anno, regalando ai tanti visitatori e curiosi uno spettacolo unico nel suo genere. Mille sfumature compongono la cosiddetta Fiorita di Castelluccio. 

Un arcobaleno che va dal giallo al giallo, fino al viola più intenso, fatto di lenticchie, papaveri, violette e ancora trifogli e narcisi e molte altre varietà che rendono speciale la fioritura di Castelluccio. 

Il periodo migliore per la fioritura Castelluccio in genere coincide con la terza e l’ultima domenica del mese di giugno, in ogni caso ogni momento compreso tra maggio e luglio è capace di donare emozioni uniche. Molto dipende dalla stagione e da come è stata la primavera.

Dunque, non è possibile avere un’istantanea della fioritura Castelluccio in tempo reale, ma si può essere certi che ogni giorno sarà perfetto per ammirarla in tutta la sua grande bellezza.

Si raccomanda, naturalmente di non camminare né calpestare in alcun modo i fiori così da consentire a tutti di ammirare questo spettacolo della natura e non danneggiare l’ambiente.

La fioritura, istruzioni per l’uso

Poche, semplici regole per rispettare la fioritura e poterla godere a pieno dall’inizio alla fine. Primo ammonimento: vietato calpestare i fiori. Niente selfie distesi sul prato, per favore, né foto ricordo al centro della piana. Il miglior ricordo è quello che conserveremo per il prossimo anno di questi fiori meravigliosi. 

Non si può nemmeno, ovviamente, parcheggiare sui campi. Ancora qualche piccolo disagio, come i container che si trovano in piazza a Castelluccio e che non hanno né luce né acqua. Ma nulla ferma la più bella fioritura degli ultimi dieci anni.

Castelluccio di Norcia fioritura, come arrivare

Abbiamo parlato del periodo fioritura Castelluccio, vediamo ora come arrivare in questa località dopo il terremoto del 2016 che ha causato molti danni anche alla viabilità del posto, isolando per molti mesi Norcia e il suo altopiano dal resto del centro Italia.

Castelluccio e Norcia sono collegate tra loro da una strada provinciale, la SP 477 che prima del sisma richiedeva all’incirca 40 minuti di percorrenza per una trentina di km. Oggi questa strada è tornata percorribile in totale sicurezza ed è aperta ogni giorno dalle 5.30 di mattina alle 21.30 in orario continuato.

Si raccomanda molta attenzione, tuttavia, in quanto in alcuni tratti il traffico è a senso alternato con l’utilizzo dei semafori.

Castelluccio è inoltre tornata accessibile anche per i pulmann e i mezzi pesanti.

Alternativamente, per chi arriva dalla via Salaria, si può girare allo svincolo al km 148 e percorrere la galleria “San Benedetto di Forca Canapine”, sulla strada statale 685, poi immettersi sulla strada provinciale 477. Per qualsiasi informazione c’è il sito della Pro Loco di Norcia in continuo aggiornamento.

Leggi anche: Fioritura Castelluccio 2018, una lettera a tutela del Parco Monti Sibillini

TAG: , , ,