Articolo
Testo articolo principale

I numeri delle domande per il reddito di cittadinanza Marche, secondo i dati dell’Inps, crescono di settimana in settimana e oggi toccano il vertice di 19.473 domande. Complessivamente, in tutta Italia, le domande hanno superato il milione di domande: sono 1.016.977 gli attuali beneficiari, di cui 822.586 a marzo e 194.391 se ne sono aggiunti ad aprile.

Il reddito di cittadinanza, lo ricordiamo, è destinato alle famiglie con un Isee fino a 9.360 euro annui. Perciò, il Sole ha ragionato sulla platea dei potenziali beneficiari attraverso i dati storici dell’Isee, considerando i 9 miliardi stanziati dalla manovra di Bilancio 2019.

Leggi anche: Reddito di cittadinanza: tutto quello che c’è da sapere

Reddito di cittadinanza Marche, le domande presentate

Ancona è la provincia il maggior numero di beneficiari con 6.097 domande, di cui 2.531 presentate da uomini e 3.566 da donne. L’iter più utilizzato dai cittadini anconetani è il Caf, che vede 5.041 richieste, mentre sono 822 le richieste pervenute tramite Poste Italiane.

A Macerata invece le domande per il reddito di cittadinanza Marche sono 4.015, 1.767 uomini e 2.248 donne.

Nella provincia di Ascoli Piceno sono 2.962: 1240 uomini e 1.722 donne. Sono 2.309 le domande presentate al Caf e 454 alle Poste.

A Fermo 2.078 beneficiari del Reddito: 975 uomini e 1.103 donne. 1.537 sono le richieste pervenute tramite Caf e 441 alle Poste.

Infine, a Pesaro Urbino ci sono 4.321 domande. Anche qui abbiamo una prevalenza di domande al Caf, 3.422, mentre sono 783 quelle alle Poste. 

Numeri quindi per nulla deludenti, sottolineano i parlamentari M5s: “La narrazione dei media parla di flop, ma i numeri dicono tutt’altro. Il Reddito c’è, è partito e piano piano sempre più persone ne stanno beneficiando. Abbiamo mantenuto la nostra promessa. Le polemiche le lasciamo agli altri – concludono – noi siamo qui per dare una mano a chi ha bisogno. E lo stiamo facendo”.

A chi spetta il reddito di cittadinanza

La soglia ISEE fino a 9000 euro premia ovviamente soprattutto le province del Sud e delle isole, meno il Centro e il Nord. Su 110 province italiane, Ascoli si posiziona, quindi, nella seconda metà della classifica del quotidiano economico. 

L’analisi del Sole 24 Ore approfondisce la distribuzione regionale delle famiglie potenziali beneficiarie del reddito di cittadinanza, calcolando l’incidenza percentuale sul totale delle famiglie residenti nella regione e sul totale nazionale dei potenziali beneficiari.

Reddito di cittadinanza nelle Marche

Stando alle cifre ufficiali beneficeranno del Reddito 49.000 famiglie marchigiane, di cui:

  • 16.000 nella provincia di Ancona,
  • 11.000 in quella di Pesaro,
  • 10.800 Macerata,
  • 6.400 ad Ascoli,
  • 4.700 a Fermo.

La classifica italiana del Sole24Ore

Il record assoluto del reddito di cittadinanza spetta alla provincia di Crotone, dove più di una famiglia su quattro (il 27,9%) ha un Isee talmente basso da accaparrasi senza problemi il reddito di cittadinanza. A Napoli, Palermo e Caltanissetta spetta a una famiglia su cinque.

Dall’altra parte della classifica c’è la provincia di Bolzano, dove il reddito di cittadinanza spetta soltanto a 1 famiglia su 40, a Belluno e Sondrio una su 30.

Ecco la parte alta della classifica:

  • Campania (18%), 
  • Calabria (17,9%),
  • Sicilia (16,9%).

In cifre assolute, il maggior numero di potenziali beneficiari è in provincia di Napoli (quasi 230mila famiglie), seguono Roma (173.200)Milano (103.600)Palermo (100.800) e Torino (95.900).

reddito di cittadinanza ascoli sole 24 ore

Classifica del Sole 24 Ore, i beneficiari del Reddito di Cittadinanza

L’analisi del Sole 24 Ore

“Ciò che salta all’occhio, si legge nell’articolo del Sole 24 Ore, è la dimensione della platea che si dovrà dividere le risorse stanziate dal Governo – pur con la bocciatura della commissione Ue – se la soglia Isee indicata per l’accesso sarà confermata”.

Facciamo due conti: nel 2016, le famiglie con Isee inferiore a 9.000 euro sono state 2,5 milioni, questo vuol dire che anche considerando per intero i 9 miliardi stanziati, l’aiuto “di massa” si traduce in una media di 293,85 euro mensili per famiglia.

Meno della metà dei 780 euro indicati come obiettivo e meno dei 305 euro che rappresentano oggi il valore medio del reddito d’inclusione. “Con la differenza che quest’ultimo va a una platea sei volte più piccola (378mila famiglie)”, scrive ancora il Sole.

 
beneficiari reddito cittadinanza
TAG: , ,