Articolo
Testo articolo principale

Ci siamo: i saldi estivi 2019 scatteranno nel weekend in quasi tutta Italia, tranne in Basilicata, dove sono cominciati ieri 2 luglio.

Quando finiscono i saldi estivi? La data non è uguale ovunque, in alcune regioni lo stop arriva a metà agosto, altrove si prolungano fino a settembre. In ogni caso, la caccia all’affare sta per iniziare. Nelle Marche i saldi estivi cominciano sabato 6 luglio e dureranno fino al 1 settembre.

Saldi estivi 2019, quando iniziano

Ma quando iniziano i saldi 2019 regione per regione? Vediamo assieme tutte le date dei saldi invernali.

  • Abruzzo: dal 6 luglio al 29 agosto
  • Basilicata: dal 2 luglio al 2 settembre
  • Calabria, Marche: dal 6 luglio al 1 settembre
  • Campania, Emilia Romagna, Lombardia, Molise, Sardegna, Toscana, Umbria: dal 6 luglio al 30 agosto
  • Lazio: dal 6 luglio al 15 agosto
  • Friuli Venezia Giulia: dal 6 luglio al 30 settembre
  • Liguria: dal 1° luglio al 14 agosto
  • Piemonte: dal 6 luglio al 26 agosto
  • Puglia: dal 6 luglio al 15 settembre
  • Sicilia: dal 1° luglio al 15 settembre
  • Valle D’Aosta: dal 6 luglio al 20 agosto
  • Veneto:  dal 6 luglio al 31 agosto
  • Provincia autonoma di Bolzano: dal 5 luglio al 17 agosto

Saldi anticipati causa maltempo

Saldi anticipati a causa del maltempo di maggio in tutta Italia. Lo dice il Codacons, che sottolinea come “il meteo pazzo di maggio abbia letteralmente affossato le vendite nel settore del commercio, facendo crollare gli acquisti nel comparto dell’abbigliamento e delle calzature”.

“Il maltempo che tra aprile e maggio ha imperversato in diverse zone del paese ha avuto effetti diretti sulle abitudini di acquisto dei consumatori – spiega il presidente Carlo Rienzi – La stagione estiva, infatti, è partita con evidente ritardo a causa del meteo, spingendo le famiglie a rimandare gli acquisti di nuovi capi di vestiario e calzature adatte ai mesi più caldi. Ciò ha comportato una contrazione delle vendite e una riduzione del giro d’affari per i negozianti attorno al -30% rispetto alla media nazionale del periodo, con punte più elevate nel nord Italia”.

TAG: , ,