Articolo
Testo articolo principale

Dopo che nella giornata di Mercoledì è stata registrata un’impennata di contagi tanto che lo stesso Presidente Acquaroli si è appellato chiedendo la massima attenzione da parte di tutti i cittadini .

Lo stesso Presidente Acquaroli ha annunciato che c’è stata un’anomalia segnalando oltre 800 contagi e ha ribadito che “questo dato non deve farci assolutamente rilassare,  i dati comunque sono ancora molto alti, con 650 positivi di cui 81 sintomatici”.

Regione Marche, le parole di Acquaroli 

 Nell’attesa di scoprire il “verdetto” di oggi, dopo il consueto monitoraggio del Venerdì durante il quale sarà svelata la fascia di colore delle regioni ( o arancione o rossa, visto che il nuovo decreto ha cancellato la zona gialla), il Presidente della Regione Marche ha precisato che il dato relativo ai contagi registrato nella giornata di Mercoledì era un errore, un’anomalia del sistema.

Il Governatore però ha voluto ribadire che non dobbiamo “rilassarci” ma prestare sempre la massima attenzione visto che i dati, se sono leggermente in calo, sono comunque ancora molto alti.

“Il dato dei positivi riscontrati oggi, tornato in linea con quelli degli ultimi giorni, ci dice che sta continuando la decrescita del contagio e che le misure messe in atto stanno producendo i loro effetti. Raccomando sempre di tenere alta l’attenzione, perché le nostre strutture ospedaliere sono ancora sotto pressione”.

Preoccupa molto anche la situazione degli ospedali: anche se la pressione nei pronto soccorso ha registrato un leggero calo,  circa l’1%-2%, quella nei reparti resta elevata, siamo a 58-59% tra terapia intensiva e non intensiva.

Tutte le regole per la zona rossa:

La Regione Marche sarà in zona rossa per due settimane  a partire da lunedì 15 marzo, ecco tutte le regole.

Spostamenti

In zona rossa ci si potrà spostare anche all’interno del proprio comune solo per comprovati motivi di salute, di lavoro o di necessità. Sarà sempre possibile il rientro nel proprio domicilio o nella propria abitazione. Non ci si potrà recare nelle seconde case se non per comprovate esigenze. Resta il divieto di circolazione dalle 22 alle 5.

Per il modulo dell’autocertificazione clicca qui.

Visite a parenti o ad amici

Non sono consentiti gli spostamenti verso le abitazioni private tranne per motivi strettamente necessari.

Scuole

Sono sospese le lezioni in presenza di tutte le scuole della regione di ogni ordine e grado, anche asili nido e scuole dell’infanzia. Rimangono le lezioni in presenza per gli studenti con disabilità e che hanno bisogni educativi speciali oltre che le attività di laboratorio. Sospese anche le lezioni all’interno delle Università.

Negozi

Chiusi i servizi alla persona (parrucchieri, centri estetici e barbieri), le attività di commercio al dettaglio e i centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi. Aperti solo i negozi che vendono generi alimentari e di prima necessità (supermercati, farmacie, parafarmacie, edicole, tabaccherie). Solo una persona per nucleo familiare potrà recarsi a fare spesa.

Bar e ristoranti

Chiusi tutti i bar, ristoranti, pizzerie, pub e gelaterie. Consentiti sempre l’asporto e le consegne a domicilio.

Sport

Non sarà possibile utilizzare le aree attrezzate per gioco e per sport, all’interno di parchi e giardini.

TAG: , , , , ,