Articolo
Testo articolo principale

Coronavirus, dal monitoraggio effettuato oggi, è stata confermata la zona arancione per la Regione Marche.

Lo ha annunciato il Presidente Acquaroli “Le condizioni nella nostra regione stanno migliorando, ma sicuramente non potremo tornare in zona gialla perché in questo momento non è consentita dalla normativa nazionale. Raccomando a tutti di fare sempre la massima attenzione, perché dobbiamo mantenerci nelle condizioni che ci permetteranno le riaperture non appena saranno consentite e che auspichiamo possano avvenire quanto prima”.

Continuano a restare aperti negozi, i servizi essenziali della persona ( barbieri, parrucchieri e centri estetici) .

Coronavirus, le Marche ancora in zona arancione 

Le Marche restano in  zona arancione, dopo l’ultimo monitoraggio effettuato oggi.

Le regole della zona arancione:

Spostamenti:

Gli spostamenti sono  consentiti all’interno del proprio comune di residenza o di domicilio mentre restano vietati al di fuori del proprio comune e della propria regione, se non per motivi di lavoro, di salute o di necessità.

Visite a parenti o ad amici:

Le visite a parenti  o ad amici sono consentite una volta al giorno dalle 22 alle 5, verso un’abitazione privata con due conviventi. Per gli abitanti di un comune che ha meno di 5000 abitanti ci si potrà spostare in un raggio di 30 km, ma resta il divieto di raggiungere i capoluoghi di provincia.

Bar e ristoranti:

Bar e ristoranti resteranno chiusi ma potranno lavorare con l’asporto e le consegne a domicilio.

Negozi:

I Centri commerciali riapriranno ma resteranno chiusi nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, punti vendita di generi alimentari, edicole, tabaccherie al loro interno. Riapriranno invece i barbieri, i parrucchieri e i centri estetici.

Scuola:

Come previsto dall’ultimo decreto, dal 7  Aprile sono previste le  lezioni in presenza dalle scuole dell’infanzia alla terza media mentre le superiori avranno per il 50% le lezioni in presenza fino ad un massimo del 75%, il restante continuerà le lezioni in dad.

 

 

TAG: , , ,