Articolo
Testo articolo principale

Comunali Ascoli 2019: il candidato Sindaco del Centrodestra Marco Fioravanti si è presentato ufficialmente alla stampa, nella Sala dei Savi a Palazzo dei Capitani.

Insieme a lui, erano presenti anche Andrea Maria Antonini (Segretario Provinciale Lega di Ascoli), Carlo Ciccioli (Portavoce Regionale Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale), Filippo Olivieri (Assessore alle Attività produttive di San Benedetto del Tronto-Forza Italia) e Luigi Capriotti (Vicesindaco di Acquasanta Terme e Consigliere provinciale).

Tra il pubblico, erano presenti tra gli altri: il Sindaco Guido Castelli; la Vicesindaco Donatella Ferretti; l’assessore Massimiliano Brugni; i Consiglieri comunali di maggioranza Bono, Di Micco, Trontini e Cardinelli.

Comunali Ascoli 2019: le parole del candidato di Centrodestra Marco Fioravanti

Il candidato Sindaco dell’area di Centrodestra Marco Fioravanti ha ringraziato le liste della coalizione per il loro sostegno, auspicando che se ne aggiungano delle altre.

A questo proposito, nel manifesto affisso nella sala, comparivano i simboli di dieci liste del Centrodestra a sostegno di Fioravanti (tre partiti e sette liste civiche): Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Forza Ascoli, Cittadini in Comune, Noi siamo Ascoli, Per Ascoli, Insieme per Ascoli, Ascoli nel Futuro, Noi di Ascoli.

Ma c’erano anche due riquadri vuoti: i presenti hanno detto che si trattava di un errore di stampa, ma è probabile che siano in corso trattative per inglobare altre liste civiche nella coalizione.

Queste le dichiarazioni del candidato Sindaco Marco Fioravanti: Cercheremo di assumere un atteggiamento umile e costruttivo per la città di Ascoli, con la capacità di costruire una squadra forte, che sia in grado di interpretare le problematiche e le esigenze della città, ma anche di ascoltare gli ultimi e le persone in difficoltà. Ma ascolteremo anche nei quartieri, frazioni, case, associazioni e sindacati, per elaborare un programma coerente con le necessità dei cittadini. 

Vogliamo reagire al freno che il terremoto ha prodotto a livello sociale, economico, commerciale e lavorativo. La ricostruzione post-sisma dovrà ripartire dalle scuole terremotate, affinché tutti i bambini ascolani possano studiare, giocare e crescere in strutture sicure. E’ necessario intervenire per contrastare la crisi demografica delle aree interne, per rilanciare il commercio del Centro storico e per risolvere il problema dei parcheggi.

Nell’ambito del lavoro, vogliamo agire in due direzioni: attraendo nuovi insediamenti industriali nel Piceno; stimolando il Governo, affinché i fondi europei per la ricostruzione vengano spesi a favore delle imprese e degli artigiani del territorio.

Infine, vogliamo combattere la battaglia per bloccare l’idea, della Regione Marche, di fare un Ospedale Unico a Spinetoli. Privare Ascoli Piceno del suo ospedale significa negare un futuro alla città. Si deve investire sul personale medico e ospedaliero. L’obiettivo è creare un’Azienda ospedaliera ‘Marche Sud’, con autonomia finanziaria e gestionale; quella per l’ospedale non è una battaglia di parte, ma è di tutti gli ascolani”.

Comunali Ascoli 2019: le affermazioni di Antonini, Ciccioli, Olivieri e Capriotti

Andrea Maria Antonini ha affermato: La Lega aveva delle aspirazioni legittime per la candidatura a Sindaco, ma ci siamo confrontati con i vertici regionali e nazionali, per capire quanto spazio di manovra poteva esserci per avere un baricentro politico nella città di Ascoli.

Dato che il patto nazionale aveva scelto Marco Fioravanti, abbiamo deciso di far parte della coalizione, per il bene di Ascoli e del Centrodestra. Dobbiamo partire dall’idea di Ascoli come città vivibile, derivante dalle Amministrazioni di Celani e Castelli. Marco Fioravanti, forse, ha una piccola inesperienza a livello amministrativo, ma è comunque giovane e in grado di utilizzare gli strumenti della contemporaneità, per dare ad Ascoli ciò di cui la città ha bisogno. Non farò l’assessore in una eventuale Giunta Fioravanti. Probabilmente non mi ricandiderò per il Consiglio comunale, dopo quasi 25 anni trascorsi da consigliere”.

Queste le parole di Carlo Ciccioli: “Ascoli Piceno è una città di difficile gestione. C’ erano legittime ambizioni di candidatura a Sindaco, sono state proposte delle ‘primarie’ , ma non sono state accettate. Quindi, siamo passati al tavolo nazionale (in cui sono stati esaminati dei curriculum, per scegliere i candidati Sindaci delle città). Per Ascoli, Fratelli d’Italia ha formulato una forte richiesta e gli altri (Forza Italia e Lega) hanno conosciuto che Fioravanti avesse i titoli per essere il candidato.Quella della candidatura a Sindaco è una partita chiusa, ora la partita da giocare è quella contro i candidati degli altri schieramenti”.

Filippo Olivieri ha dichiarato: “Forza Italia ha deciso di appoggiare Marco Fioravanti, anche se inizialmente il partito avrebbe voluto esprimere un suo candidato. E’ intervenuto personalmente il Presidente Silvio Berlusconi, che ha dato il ‘via libera’ per l’utilizzo del simbolo di Forza Italia, nel rispetto del tavolo nazionale. Il problema del sostegno di Forza Italia a Fioravanti non è di chi ha fornito l’appoggio, ma è della parte che non vuole sostenere il candidato del Centrodestra”.

Infine, Luigi Capriotti ha affermato: “Oggi è una bella giornata, perché, dopo un momento difficile, è tornata ad essere unita la famiglia del Centrodestra ascolano. Conosco personalmente Marco, dato che era amico di mio figlio e l’ho visto crescere. Vincere ad Ascoli sarebbe di un’importanza unica, per il Centrodestra. Il 26 maggio, o a giugno con il ballottaggio, spero si possa compiere il ‘matrimonio’ tra Fioravanti e la città di Ascoli”.

TAG: , , , , , ,