Articolo
Testo articolo principale

Nel Decreto Rilancio sono rientrate anche le misure economiche riguardanti la mobilità; il bonus bicicletta, vale a dire l’incentivo per la mobilità alternativa, che avrà lo scopo di evitare il congestionamento dei centri urbani in vista della ripartenza. Il bonus ha portato in pochi giorni, all’ aumento dell’acquisto non solo della bici ma anche dei monopattini, della bicicletta a pedalata assistita e tutti quei veicoli per la mobilità personale a propulsione elettrica. Infatti a causa delle tante richieste, questi mezzi sono diventati introvabili .

Tra le tante città che rientreranno per beneficiare di questo incentivo, anche Ascoli  avrà la possibilità di usufruire dello sconto pari al 60% della spesa sostenuta, fino a un massimo di 500 euro.

Bonus bicicletta, di cosa si tratta

Il Bonus è stato pensato per la mobilità cittadina e allo stesso tempo l’utilizzo della bicicletta potrebbe essere una valida alternativa per sconfiggere il coronavirus. Si tratta di un bonus, del valore di 500 euro per tutti coloro che acquisteranno una bicicletta anche a pedalata assistita, e di veicoli per la micromobilità elettrica quali monopattini, hoverboard e segway, o per l’utilizzo dei servizi di sharing mobility e  non rientra quindi all’interno delle casistiche coperte l’acquisto di scooter elettrici .

La domanda potrà essere fatta dal 4 Maggio al 31 Dicembre 2020.

Chi potrà fare domanda?

Potranno richiedere il bonus tutti i maggiorenni residenti nei comuni con più di 50.000 abitanti e il tetto massimo sarà di 500 euro. Il bonus può essere richiesto una sola volta dal cittadino.

L’incentivo funzionerà in questo modo: chi comprerà una bici, un monopattino, un monoruota, hoverboard e segway, tradizionali o elettrici, avrà diritto a un rimborso che sarà pari al 60% del prezzo speso, quindi non coprirà quindi tutto il costo del mezzo acquistato. Esso comprenderà anche i servizi sharing individuali ma non accessori come caschi, catene, lucchetti, batterie, ecc.

Dal 4 Maggio fino al giorno di inizio operatività dell’applicazione web in via di predisposizione è previsto il rimborso al beneficiario; per ottenere il contributo è necessario conservare il documento giustificativo di spesa (fattura e non scontrino) e allegarlo all’istanza da presentare mediante l’applicazione web disponibile sul Ministero dell’Ambiente.Dal giorno di inizio operatività dell’applicazione web è previsto lo sconto diretto da parte del fornitore del bene/servizio richiesto, sulla base di un buono di spesa digitale che i beneficiari potranno generare sull’applicazione web. In pratica gli interessati dovranno indicare sull’applicazione web il mezzo o il servizio che intendono acquistare e la piattaforma genererà un buono spesa digitale da consegnare ai fornitori autorizzati per ritirare il bene o godere del servizio individuato. Quindi si dovrà pagare solo la differenza.

Le altre misure previste dal Decreto:

Oltre al Bonus Biciclette, il Decreto prevede anche la creazione di ulteriori piste ciclabili sulla parte destra delle strade urbane e una linea d’arresto avanzata rispetto alle macchine, per le bici e gli altri mezzi che potranno essere utilizzati per la mobilità.

Per coloro che viaggiano con i mezzi pubblici invece, è previsto un rimborso sotto forma di voucher per tutti quelli che hanno un abbonamento tranviario o con un trasporto pubblico locale e che durante il lockdown non hanno potuto utilizzarlo.

Bonus Bicicletta, anche i residenti ascolani potranno beneficiare di questo aiuto:

Anche Ascoli potrà beneficiare del bonus bicicletta, un buono mobilità che è pari al 60% degli acquisti effettuati non superiore a 500 euro a partire dal 4 Maggio e fino al 31 Dicembre, che potrà essere utilizzato da tutti i residenti maggiorenni con popolazione superiore a 50 mila abitanti, per l’acquisto di bici e monopattini e tutti quei mezzi anche a pedalata assistita per la mobilità personale.

Ad annunciare la bella notizia nei giorni scorsi, il capogruppo del Pd Ascoli, Francesco Ameli, “incentivi che si intersecano con le misure adottate dalla  Regione Marche attraverso la Vicepresidente Anna Casini per la realizzazione della rete ciclabile regionale. Basti pensare che solo nel Piceno sono previsti investimenti per 5 milioni di euro per la realizzazione della ciclovia del Tronto (con particolare attenzione per il capoluogo!). Un percorso verso una nuova mobilità urbana che vada incontro all’ambiente e a chi deve spostarsi quotidianamente per andare al lavoro”.

 

 

Leggi anche Decreto Rilancio, oltre 100.000 domande presentate all’Inps per richiedere il Reddito di Emergenza

TAG: , ,