Articolo
Testo articolo principale

 Regione Marche : dopo il bando riguardante la mobilità elettrica,  la Commissione di valutazione preposta ha dato l’ok a 48 delle 50 aziende che hanno risposto al Bando di concessione di contributi per l’installazione di infrastrutture di ricarica per mezzi elettrici, mentre dei restanti due progetti uno è stato ritenuto inammissibile, mentre l’altro sarà finanziato in base a stanziamenti futuri.

Tra queste 48 imprese che hanno visto fin da subito il proprio progetto finanziabile, 10
hanno sede nella Provincia di Pesaro Urbino, 10 nella Provincia di Ancona, 17 in quella di Macerata, 7 nel fermano e 4 nella Provincia di Ascoli Piceno.

Regione Marche, approvati i progetti delle imprese 

L’avviso era stato emanato lo scorso Ottobre dalla Regione al fine di sviluppare sul territorio la diffusione di una mobilità sostenibile e ad emissioni zero, creando una rete infrastrutturale per la ricarica dei veicoli elettrici accessibili al pubblico, presso poli commerciali, artigianali e industriali, ricettivi o ricreativi e aree di distributori di carburante.

Dedicato a micro, piccole e medie imprese del territorio, il Bando, scaduto a Dicembre, prevede il finanziamento di 828.190,00 Euro, messi a disposizione dal Fondo alimentato con le royalties derivanti dalle estrazione di idrocarburi anni 2017 e 2018, assegnate alla Regione Marche a seguito di specifico Protocollo d’Intesa sottoscritto con il Ministero dello Sviluppo economico e il Ministero dell'Economia e delle finanze.
Entusiasta l’Assessore Regionale ai Trasporti con delega alla mobilità elettrica sostenibile Guido Castelli, competente in materia insieme all’Assessore con delega al commercio e distribuzione carburanti Mirco Carloni ” Questo finanziamento è uno dei passi decisivi per rendere la nostra Regione pronta alla sfida green dei prossimi anni . Il settore delle auto elettriche e ibride in Italia è  in forte ascesa: nell’ultimo anno il loro acquisto è aumentato dell’147%, rappresentando oggi il 12% del mercato totale. Per questo dobbiamo dotare il territorio di un’offerta infrastrutturale all’altezza delle esigenze dei consumatori”.
Nel dettaglio, delle 48 imprese che hanno visto fin da subito il proprio progetto finanziabile, 10
hanno sede nella Provincia di Pesaro Urbino, 10 nella Provincia di Ancona, 17 in quella di Macerata, 7 nel fermano e 4 nella Provincia di Ascoli Piceno. Le infrastrutture risultate finanziabili verranno installate in otto aree di distribuzione di carburante tradizionale (settore distribuzione).

Regione Marche, approvata la graduatoria

Sviluppare la diffusione di una mobilità sostenibile e a emissioni zero. E’ l’obiettivo del Piano regionale di sviluppo e la diffusione della mobilità elettrica regionale (eMobility ReMa), di cui la Regione Marche si è dotata con la finalità, tra le altre, di creare una rete infrastrutturale per la ricarica dei veicoli elettrici.

Nello scorso Ottobre era stato emanato un bando per la concessione di contributi a favore delle micro, piccole e medie imprese operanti nelle Marche per l’installazione di infrastrutture private di ricarica per mezzi elettrici, accessibili al pubblico, presso poli commerciali, artigianali e industriali, ricettivi o ricreativi ed aree di distributori di carburante. Le risorse messe a disposizione con il bando, scaduto a Dicembre 2020, sono di 828 mila euro e fanno riferimento al Fondo alimentato con le royalties derivanti dall’estrazione di idrocarburi anni 2017 e 2018, assegnate alla Regione Marche a seguito del Protocollo d’Intesa sottoscritto con il Ministero dello Sviluppo economico e il Ministero dell’Economia e delle Finanze.

“Va sottolineato per questo intervento, oltre all’incentivazione di una mobilità sostenibile, la prassi virtuosa di impiegare in termini di razionalità delle risorse ciò che “inquina” a sostegno dell’energia pulita, in linea con un moderno profilo di indirizzo che intende ridurre gli impatti ambientali, sociali ed economici della viabilità urbana e pertanto rendere sempre più accessibili e diffuse queste modalità di erogazione di ricarica elettrica” ha commentato l’Assessore ai Trasporti, Guido Castelli.

“Grazie a questi contributi, le imprese possono avviare concretamente la transizione greenSi tratta di un provvedimento che rappresenta un esempio di modalità interdisciplinare di lavoro e di coordinamento tra assessorati che abbiamo assunto come principio fondamentale di azione politica per dare risposte sempre più adeguate e omogenee ai fabbisogni dei territori e del tessuto imprenditoriale. Anche con questa misura vogliamo creare valore aggiuntivo agli interventi: prevedendo l’installazione delle colonnine presso poli commerciali, artigianali e industriali, ricettivi o ricreativi ed aree di distributori di carburante, accanto ad una misura di aiuto alle piccole e medie imprese, anche la potenzialità di richiamo di consumatori nelle attività circostanti” ha spiegato il Vicepresidente della Regione, Mirco Carloni.

Concluso l’iter di ammissibilità, è stata approvata da poco la graduatoria: al bando hanno risposto 50 imprese, di cui risultate ammissibili 49 ed immediatamente finanziabili 48 imprese, di cui 10 nella Provincia di Pesaro Urbino, 10 nella Provincia di Ancona, 17 nella Provincia di Macerata, 7 nella Provincia di Fermo e 4 nella Provincia di Ascoli Piceno. Le infrastrutture di ricarica per i veicoli elettrici, risultate finanziabili, verranno installate presso 8 aree di distribuzione di carburante tradizionale (settore distribuzione idrocarburi) oltre che in 12 attività del settore turismo ed in 28 attività del settore commercio e artigianato. (ad’e)

Regione Marche,  i finanziamenti a favore dei comuni per l’acquisto  dei veicoli sostenibili 

“Con le risorse stanziate per il bando nel 2019  è stato possibile concedere contributi alle sole prime 31 istanze in graduatoria per 24 Comuni. Per procedere ad un consistente scorrimento della graduatoria finale approvata, insieme alla giunta abbiamo deciso di incrementare le risorse a bando con 3 milioni di euro per il 2021. In questo modo renderemo finanziabili altri 110 interventi circa.

Per la Provincia di Ascoli Piceno i Comuni che hanno ottenuto il contributo per i progetti di mobilità elettrica sono:

  • Castignano   € 5.011,40,
  • Comunanza  € 20.790,00,
  • Montalto delle Marche   € 40.865,12,
  • Montefiore dell’Aso  € 23.275,77,
  • Monteprandone   € 26.039,68,
  • Roccafluvione   € 32.232,00,
  • San Benedetto del Tronto  € 46.370,50.

All’esaurimento della graduatoria se avremo ulteriori disponibilità a bilancio, pubblicheremo un nuovo bando con la medesima finalità. L’intervento è in linea con il Piano di sviluppo e la diffusione della mobilità elettrica (eMobility ReMa) di cui la Regione Marche si è dotata nel 2018 al fine di creare una rete infrastrutturale per la ricarica dei veicoli elettrici e le policy normative organizzative e finanziarie per lo sviluppo diffuso si una mobilità sostenibile e ad emissioni zero”.

Leggi anche Regione Marche, Guido Castelli: 4,5 miliardi di euro come indennizzo della stagione sciistica compromessa

TAG: , , ,