Ascoli-Salernitana
Sport

Ascoli-Salernitana 2-4: débacle bianconera contro i campani e tante recriminazioni

Ascoli-Salernitana 2-4: i granata vincono con Calaiò, Casasola e Jallow (2). Inutili i gol di Ninkovic e Beretta. Recriminazioni per un palo del Picchio.
Articolo
Testo articolo principale

Ascoli-Salernitana finisce 2-4, al termine di una partita incolore e ingenua per l’Ascoli. Molte le recriminazioni da parte ascolana, come il palo interno colpito da Ninkovic. Inutile il gol illusorio del serbo in apertura, ma anche la rete di Beretta che sembrava aver riaperto il match. Nulla ha potuto fare l’Ascoli, contro lo strapotere del centrocampo della Salernitana; i centrocampisti bianconeri non sono stati in grado di fare filtro. Ancor più gravi sono apparse le lacune difensive dell’Ascoli: la difesa ha incassato ben 7 gol nelle ultime due partite (3 dal Perugia, 4 dai salernitani), segnandone solo due. E’ necessaria una scossa, che potrebbe arrivare con il ritorno del “bomber” Ardemagni. Ancora impalpabile Ciciretti, da cui ci si aspettava maggiore pericolosità sottoporta. L’Ascoli rimane al 13° posto in classifica con 25 punti.

Sugli spalti, è andato di scena lo “sciopero del tifo” da parte dei supporters: gli “Ultras 1898” e gli altri gruppi organizzati di tifosi dell’Ascoli hanno deciso di protestare contro i “Daspo” comminati in seguito alla trasferta di Palermo del 27 dicembre.

L’Ascoli è stato schierato da Mister Vincenzo Vivarini con un modulo 4-3-1-2: in porta esordisce Milinkovic-Savic; in difesa Laverone, Brosco, Padella e D’Elia; centrocampo formato da Frattesi, Iniguez e Cavion; trequartista Ninkovic; in attacco Ciciretti e Ganz.

Lo Spezia, allenato da Angelo Gregucci, è sceso in campo con un modulo 3-4-2-1: Micai tra i pali; difesa a tre con Perticone, Migliorini e Gigliotti; a centrocampo Casasola, Minala, Di Tacchio e Lopez; trequartisti Mazzarini e Jallow; unica punta Calaiò.

Il film della partita

L’Ascoli parte bene e, al 3° minuto, va in vantaggio con Ninkovic, autore di un preciso tiro dal limite dell’area, derivante da inserimento di Frattesi che  ha fornito l’assist al trequartista. Il gol dovrebbe dare sicurezza al Picchio, ma al minuto numero 13 arriva la “doccia fredda” del pareggio: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, il campano Calaiò, lasciato colpevolmente solo in area di rigore dai difensori dell’Ascoli, con una semi-rovesciata trafigge l’impietrito portiere Milinkovic-Savic. Al 18′ arriva il bis degli ospiti: dopo una traversa colpita da Migliorini, Casasola mette in rete con un’acrobazia. Al minuto numero 40, è arrivato il tris dei campani, viziato da un fallo di mano: Jallow controlla il pallone con un braccio, concludendo in porta; tiro parato da Milinkovic-Savic, il quale non può nulla sulla ribattuta. Al 43′  prodezza del portiere Milinkovic, che ha salvato la squadra bianconera dal tracollo.

All’inizio del secondo tempo, Mister Vivarini effettua una doppia sostituzione: fuori gli spenti Ciciretti e Iniguez (forse devono prendere confidenza con l’ambiente bianconero), dentro Beretta e Addae. L’Ascoli riapre la partita al 48′ con Beretta: il centravanti del Picchio, appena entrato, insacca in rete dopo una serie di rimpalli in area di rigore. Pochi minuti dopo, bianconeri nuovamente pericolosi con Beretta, che si invola sulla sinistra e offre il pallone a Ninkovic che calcia di destro, ma il portiere Micai evita il pareggio. Al 70′ c’è una ghiotta occasione per l’Ascoli: nel corso di un rapido contropiede, c’è il tocco di Ganz per Ninkovic, il cui tiro di piatto destro colpisce il palo interno. All’80° minuto, l’attaccante ascolano Ganz viene ammonito per la seconda volta in pochi minuti, a causa di una decisione forse troppo fiscale presa dall’arbitro. La gara viene, poi, addormentata dai granata, che la mettono sul piano fisico. Addirittura, al 96′ gli ospiti chiudono il conto con un destro all’angolino di Jallow, appesantendo ulteriormente il passivo dell’Ascoli.

Il tabellino

ASCOLI (4-3-1-2): Milinkovic-Savic; Laverone (88′ Chajia), Brosco, Padella, D’Elia; Frattesi, Iniguez (46′ Addae), Cavion; Ninkovic; Ciciretti (46′ Beretta), Ganz. A disposizione: Bacci, Scevola, Quaranta, Valentini, Andreoni, Rubin, Baldini, Troiano, Rosseti. Allenatore: V.Vivarini.

SALERNITANA (3-4-2-1): Micai; Perticone (57′ Mantovani), Migliorini, Gigliotti; Casasola (72′ Pucino), Minala, Di Tacchio, Lopez; Mazzarini, Jallow; Calaiò (50′ Vuletich). A disposizione: Vannucchi, Bernardini, Pucino, Schiavi, Djavan Anderson, Memolla, Odjer, Djuric, Orlando, Rosina. Allenatore: A.Gregucci.

Arbitro: Minelli (Varese).

Reti: 3′ Ninkovic (A), 18′ Calaiò (S), 18’Casasola (S), 40′ Jallow (S), 48′ Beretta (A), 96′ Jallow (S).

Note: -Ammoniti Lopez (A), Padella (A), Minala (S), Gigliotti (S), Pucino (S), Addae (A).  -Espulso al 23′ l’allenatore Gregucci (S). Espulso al 35′ Ganz (A).

Recupero: 0′ PT, 6′ ST.