Articolo
Testo articolo principale

Bilancio Ascoli 2018: come ogni fine dell’anno, è tempo di tracciare un bilancio dei fatti principali settore per settore che sono accaduti nel corso dell’anno passato. Ripercorriamo i principali avvenimenti che hanno coinvolto, nei vari campi, la città e la Provincia di Ascoli Piceno.

Bilancio Ascoli 2018: le notizie principali

POLITICA

Per quanto riguarda la politica, alle Elezioni Politiche del 4 marzo sono stati eletti quattro parlamentari della Provincia di Ascoli Piceno: tre del Movimento 5 Stelle (Roberto Cataldi, Giorgio Fede, Rachele Silvestri) e uno della Lega (Giorgia Latini).

Inoltre, si sono svolte le Elezioni Comunali in tre città: a Grottammare è stato rieletto Enrico Piergallini (Liste civiche), a Castel di Lama ha vinto l’esponente dei Cinque Stelle Mauro Bochicchio, mentre a Ripatransone è diventato Sindaco Alessandro Lucciarini De Vincenzi (Liste civiche).

Nel corso dell’anno, è stato eletto anche il nuovo Presidente della Provincia di Ascoli Piceno: l’esponente del PD Sergio Fabiani (Sindaco di Montegallo) ha battuto il candidato del Centrodestra Pasqualino Piunti (Sindaco di San Benedetto Del Tronto).

Durante l’estate, ha tenuto banco anche la questione dell’Ospedale Unico del Piceno, in seguito alla decisione, da parte della Regione Marche e della Conferenza dei Sindaci della Provincia di Ascoli Piceno, di costruire un nuovo nosocomio nell’area di Pagliare del Tronto, ridimensionando gli ospedali di Ascoli e San Benedetto.

Forti le proteste del Sindaco di Ascoli Guido Castelli e dei due comitati che sono stati costituiti per opporsi alla decisione della Giunta Regionale (Comitato Difesa Ospedale di Ascoli e No Ospedale Unico Piceno).

A novembre, però, si è registrato un colpo di scena: undici Sindaci della Provincia di Ascoli hanno chiesto, al presidente della “Conferenza dei Sindaci” Angelo Flaiani, di rivotare sulla localizzazione del Nuovo Ospedale, con lo scopo di ribaltare l’esito del voto del 2 agosto con una nuova proposta: un “Ospedale di Primo Livello” in Riviera e un “Ospedale Di Base” ad Ascoli Piceno.

Nell’ambito della ricostruzione post-terremoto, molti sono ancora i nodi da sciogliere. Il Governo ha nominato, come nuovo Commissario, il geologo Pietro Farabollini, che avrà il compito di accelerare le procedure per la ricostruzione, ma anche di individuare le aree idonee a edificare nuove case, da destinare alle famiglie che attualmente sono ospitate nelle “SAE” (“Soluzioni Abitative di Emergenza”).

CHIESA

Nel 2018, due religiosi ascolani hanno ricevuto degli importanti riconoscimenti da parte di Papa Francesco.

Mons. Giuseppe Petrocchi, Vescovo de L’Aquila, è stato nominato Cardinale nel Concistoro che si è svolto il 28 giugno 2018. Il Card. Petrocchi è tornato nella sua città natale il 14 ottobre, in occasione della festa della Madonna delle Grazie; il nuovo Cardinale è stato accolto festosamente dai suoi concittadini, che lo hanno salutato e incoraggiato per il nuovo incarico.

Mons. Stefano Russo, Vescovo di Fabriano-Matelica, lo scorso 28 settembre è stato nominato Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana, in sostituzione di Mons. Nunzio Galantino. Mons. Russo, precedentemente a capo della Parrocchia di San Pietro e Paolo, è stato anche Responsabile dell’Ufficio Nazionale Beni Culturali Ecclesiastici della CEI.

SPORT

Il 2018 è stato, per l’Ascoli Calcio, un anno di grandi cambiamenti e festeggiamenti. L’anno bianconero si è aperto con la sconfitta per 2-1 in casa del Cittadella, mentre si è chiuso nel migliore dei modi, grazie alla bella vittoria in rimonta contro il Crotone per 3-2.

Sono tre le partite da ricordare: Ascoli-Entella(0-0) del 1° giugno, match che ha portato l’Ascoli, allenato da Cosmi, a raggiungere una preziosa salvezza in Serie B, con tanto di invasione di campo finale; Ascoli-Spezia (3-1) del 1° dicembre, contraddistinta da un bel gioco e da grandi emozioni (due gol dell’Ascoli, di Ardemagni e Cavion, segnati all’inizio dei due tempi; gol di Padella nel finale con una corsa liberatoria verso la Curva Sud; gol numero 100 in Serie B per il “Bomber” Ardemagni); Ascoli-Crotone (3-2) del 30 dicembre, con un’incredibile rimonta dell’Ascoli, realizzata tutta nel secondo tempo, grazie ai cambi di Mister Vivarini e alla forza di volontà dei bianconeri.

Il 4 luglio, in casa Ascoli, si è chiusa l’era Bellini e si è concretizzato il passaggio di proprietà al “Gruppo Bricofer”, guidato da Massimo Pulcinelli. E’ tornata la denominazione “Ascoli Calcio 1898” (con un nuovo stemma), ma è cambiato anche l’organigramma societario, con lo stesso Massimo Pulcinelli come Patron, Giuliano Tosti come Presidente, Antonio Tesoro come Direttore Sportivo e Gianni Lovato come Direttore Generale. La nuova dirigenza ha scelto, come nuovo allenatore del Picchio, Mister Vincenzo Vivarini, tecnico con molta esperienza in Serie B; il nuovo allenatore ha adottato prevalentemente un modulo 4-3-1-2, con buon gioco e risultati abbastanza positivi, che finora hanno portato ad una tranquilla posizione di metà classifica.

Il 1° novembre sono stati festeggiati i 120 anni della società bianconera: i principali monumenti sono stati illuminati di bianconero, su una finestra della sede societaria è stata collocata una foto del “Presidentissimo” Costantino Rozzi ed è stato aperto uno “store” dove è possibile acquistare i gadget dell’Ascoli. Un importante anniversario, che testimonia il blasone e l’autorevolezza derivanti dalla storia ultracentenaria dell’Ascoli.

Un fatto, che ha diviso il popolo ascolano, è stato il folle gesto del motociclista Romano Fenati nei confronti del collega Stefano Manzi, durante il Gran Premio di Misano; gesto che è stato criticato dagli altri piloti e dagli appassionati di motociclismo.

Il pilota ascolano è stato squalificato fino a fine anno e, a caldo, aveva pensato di ritirarsi. Ma il suo team “Marinelli Snipers” ha deciso di dargli un’altra chance e di farlo tornare a correre nella stagione 2019.

MUSICA

Il 2018 è stato, per la Città della Cento Torri, un anno importante dal punto di vista musicale.

Il 7 novembre, è tornato in città il pianista ascolano Giovanni Allevi, che ha presentato il suo libro “L’equilibrio della lucertola”. Allevi ha anche pubblicato l’album “Equilibrium”, a cui ha fatto seguito un tour in tutto il mondo. Il celebre virtuoso del piano ha affermato di “attendere con emozione” il ritorno nella sua città per un concerto di pianoforte. Calorosa l’accoglienza degli ascolani, che gli hanno tributato molti applausi.

Il Coro Ventidio Basso, diretto dal Maestro Giovanni Farina, è stato impegnato nella 49^ edizione del “Rossini Opera Festival”, con le opere “Ricciardo e Zoraide” e “Il barbiere di Siviglia”. La partecipazione del Coro ascolano al “ROF” è stata confermata anche per il 2019, quando si terrà la 50^ edizione dell’evento operistico.

L’estate ascolana è stata caratterizzata da tre importanti concerti: il concerto dai sapori sudamericani del pianista Stefano Bollani; l’esibizione agostana del duo Sting & Shaggy; infine, il bellissimo concerto della band ascolana dei “La Rua”, che è stata recentemente protagonista di “Sanremo Giovani (essendo arrivata tra i primi tre classificati, la band prenderà parte, insieme ad altri artisti, ad un tour mondiale per promuovere la musica italiana a livello internazionale).

TAG: , , , , , , , , , , , ,