Articolo
Testo articolo principale

 Il Governo sta lavorando per l’emanazione del nuovo dpcm che entrerà in vigore il 16 gennaio con cui indicherà le nuove misure con ulteriori divieti specialmente in quelle regioni dove l’indice Rt è ancora alto. 

Ecco cosa cambierà e quali regioni saranno in zona rossa, arancione e gialla.

Nuovo Dpcm, cinque regioni in zona arancione, le altre nella zona gialla

Anno nuovo decreto nuovo. Il Governo a breve emanerà un altro provvedimento con nuove disposizioni in merito all’emergenza sanitaria.

Dopo che l’ultimo dpcm ha visto tutta l’Italia, a partire dal 24 Dicembre e fino al 6 Gennaio ( con l’unica eccezione del 4), in zona rossa in occasione delle festività natalizie, Conte sta studiando ulteriori misure di sicurezza facendo anche il punto della situazione epidemiologica considerando anche il fatto che il 31 Gennaio scadrà la proroga dello stato di emergenza.

Il testo che entrerà in vigore il 16 Gennaio e durerà fino a fine mese,conterrà non solo disposizioni in merito al numero dei contagi e il possibile rispristino della suddivisione  nei famosi tre colori a seconda del rischio, rosso, arancione e giallo come ha già anticipato il Ministro della Salute, Speranza, ma anche le possibili riaperture di alcune attività commerciali e alcuni luoghi finora chiusi.

L’obiettivo principale è sempre quello di evitare che si verifichi l’ennesima ondata, visto che i dati parlano chiaro; i dati registrati con l’ultimo monitoraggio dell’Istituto Superiore della Sanità parlano chiaro: 

i numeri sono ancora molto alti specialmente in alcune regioni  e l’indice Rt dell’intero territorio nazionale è pari a 1,03 in aumento da quattro settimane e sopra a 1 per la prima volta dopo sei settimane.

Atteso anche il decreto che il Ministro della Salute emanerà a breve con cui rimarranno vietati gli spostamenti tra le regioni  e farà scattare la zona arancione nei weekend anche per quelle  regioni inserite nella zona gialla.

Le regioni che entreranno in zona arancione sono: Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Sicilia e Veneto. In queste zone saranno consentiti gli spostamenti ma solo all’interno del proprio comune.Per muoversi fuori comune occorrerà l’autocertificazione mentre i negozi saranno aperti tranne bar e ristoranti che lavoreranno solo con le consegne d”asporto e a domicilio fino alle 22.I negozi saranno aperti tranne bar e ristoranti. 

Nella zona gialla invece, le restanti undici regioni, Abruzzo, Basilicata, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Toscana, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna,Trentino Alto Adige, Umbria e Valle D’Aosta, dove saranno consentiti gli spostamenti (tranne quelli fuori regione), riapriranno bar e ristoranti fino alle 18

 

Inoltre, sarà compito del Comitato Tecnico Scientifico decidere se dare il via libera oppure no alle attività rimaste chiuse come quelle riguardanti lo sport, palestre e piscine e quelle dello spettacolo, come cinema e teatri.

 

 

 

Leggi anche Coronavirus, possibili nuove restrinzioni dal 7 gennaio

TAG: , , ,