Articolo
Testo articolo principale

Ascoli Piceno, nella parte più antica, è una città di travertino: case, palazzi, torri e chiese sono tutte così, di travertino. Ogni pietra e ogni concio raccontano millenni di Storia, quella con la S maiuscola. Ma anche millenni di piccole storie, quelle nelle quali magari ci si riconosce di più. Gli ascolani amano questa pietra, ma non sono i soli: la amano anche i fichi.

Travertino trascurato: San Pietro in Castello

San Pietro in Castello  è una chiesa importante: romanica, è stata riedificata nella seconda metà del XV secolo. I conci del basamento, però, raccontano una storia, proprio come dicevamo poco sopra, e testimoniano l’esistenza di un edificio preesistente. Più antico di almeno un paio di secoli.

Purtroppo l’abside di questa chiesa è stata letteralmente aggredita da decine di piantine di fico che sono cresciute negli interstizi fra i conci.

L’abside di San Pietro in Castello: sembra una unica pianta di fico, in realtà sono decine, tutte nate negli interstizi fra i conci

 

Le piantine di fico danneggiano i monumenti?

La risposta è sì: le piantine di fico danneggiano i conci di travertino e minano, di conseguenza, la staticità di edifici e monumenti.

“Le piante che spesso vediamo crescere sui nostri monumenti, sulle facciate di chiese e palazzispiega Monica Vittoricausano molti più danni di quanto si possa pensare. Le loro radici infatti si insinuano tra le pietre scalzandole dalla loro sede e spaccandole, fino a minare la staticità. Per questo motivo sarebbe buona cosa fare periodicamente una ricognizione e procedere alla loro estirpazione, seguita eventualmente dallo spargimento di un diserbante adatto al materiale, per scongiurarne la ricrescita”.

Monica Vittori è una restauratrice di beni culturali di grande esperienza, ed è iscritta nell’elenco ministeriale.

I cittadini possono intervenire?

La risposta è no: purtroppo i privati cittadini non possono munirsi di cesoie e andare a estirpare le piantine di fico. Deve attivarsi il proprietario della chiesa, autorizzando l’intervento da parte di personale esperto. La chiesa di San Pietro in Castello, oggi sconsacrata, è di proprietà del Comune di Ascoli Piceno.

 

 

 

 

 

Leggi anche:

Scorfano nella Loggia dei Mercanti 

Segnalato il decimo Scorfano

Tutti gli “Scorfani” segnalati fino a oggi

 

TAG: , , , , , ,