Articolo
Testo articolo principale

Polistrumentista, compositore, produttore nonchè grande talento ascolano, Saturnino Celani conosciuto come Saturnino oltre ad essere il bassista di Jovanotti dal 1991, è conosciuto anche per la sua musica e per i suoi numerosi progetti.

Nel 2015 ha pubblicato una sua autobiografia dal titolo Testa di basso, l’opera continua a riscuotere un enorme successo tanto che è diventato anche un audiolibro, in cui l’artista stesso narra le sue vicende, le sue esperienze, gli incontri con i diversi artisti ma anche le sue incursioni non solo nel mondo della musica, ma anche in quello della moda, del cinema e dell’arte.

Saturnino, un’artista a 360 gradi, la sua opera in versione audiolibro 

Classe 1969, ascolano doc, polistrumentista e produttore discografico. Saturnino Celani, conosciuto più semplicemente come Saturnino,  ha fatto della sua passione il suo lavoro, calcando i più grandi palchi nazionali e internazionali.

A fianco di uno dei più grandi musicisti e cantautori della musica italiana, Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti dal 1991 come bassista, ha scritto insieme a lui, numerosi brani  che hanno fatto la storia, tra i più famosi “Ragazzo fortunato”,” Serenata rap”, “Per te”, “L’ombelico del mondo”, “Penso positivo”, “Il più grande spettacolo dopo il Big Bang” e le più recenti, “Sabato”e “Gli immortali”.

saturnino

Sempre  in collaborazione con Cherubini ha scritto anche “Baciami ancora”, colonna sonora del film di Gabriele Muccino e vincitrice ai David di Donatello come miglior canzone originale nel 2010. 

Nel corso della sua carriera ha collaborato anche con altri importanti artisti come Franco Battiato, Luca Carboni, Max Pezzali, 883 e Mietta e vanta alle spalle diversi progetti, a partire dai suoi album, di cui il primo pubblicato nel  1995 “Testa di Basso”  da cui successivamente trae spunto per la sua opera  autobiografica pubblicata nel 2015 dall’omonimo titolo “Testa di basso: le meravigliose avventure di Saturnino Celani” edito da Salani Editore e scritto a quattro mani con il giornalista musicale Massimo Poggini.

saturnino

Un libro curioso, con cui Saturnino racconta la sua vita, ma anche  allegro e interessante che narra, come si legge dallo stesso titolo,  le avventure del bassista ascolano  e i suoi innumerevoli incontri con i diversi artisti, Milva, Pino Daniele, Pavarotti, Ramazzotti, Valentino Rossi. Ma oltre a essere un libro “leggero” è anche uno spunto con cui riflettere su tante tematiche attuali ma anche un modo con cui si è voluto togliere “qualche sassolino dalla scarpa” nei confronti di qualcuno.

Nonostante il libro sia uscito sei anni fa, tutt’oggi riscuote un enorme successo tanto che è diventato anche un audiolibro, in cui l’autore stesso narra le sue vicissitudini al lettore:

“Non ci girerò attorno: io ho iniziato a suonare rock con l’idea di rimorchiare. Infatti si cuccava tantissimo. Era come stare in paradiso: attorno a me c’erano soltanto ormoni femminili. Non pensate che abbia combinato chissà che. Parlavamo e basta. Del resto non c’è nulla di più bello che far nascere rapporti. Pensate all’India, dove i religiosi hanno accesso a tutte le caste. Fatte le debite proporzioni, per un musicista più o meno è lo stesso: lui riesce a dialogare anche con persone che all’apparenza potrebbero sembrare ostili. L’elemento aggregante è la passione per la musica”.

Per ascoltare un estratto cliccare su questo sito.

 

 

TAG: , ,