Articolo
Testo articolo principale

Fiorello, dopo ben 8 anni di assenza, si appresta a tornare in Rai, con il programma “Viva Rai Play” e con la partecipazione al Festival di Sanremo 2020 (che festeggerà la 70^ edizione). Da lunedì 4 novembre, lo showman siciliano tornerà a condurre un programma per la Rai (l’ultimo era stato “Il più grande spettacolo dopo il weekend”, andato in onda nel 2011): il suo titolo sarà “Viva Rai Play”, forse con un rimando alla trasmissione radiofonica “Viva Radio2”.

L’iniziativa, che coinvolge il talentuoso Rosario Fiorello, rientra nell’ambito del rilancio del sito e dell’app di Rai Play (la piattaforma gratuita di streaming e “video on demand” della Rai); la stessa Rai Play si presenterà con una veste grafica rinnovata: si va dall’interfaccia moderna e accattivante, alle molteplici funzioni di ultima generazione. 

Fiorello torna in Rai: dal 4 novembre, condurrà Viva Rai Play

“Viva Rai Play”, nuovo varietà condotto da Fiorello, avrà un’anteprima, che sarà in onda su Rai1, dopo il Tg1 delle ore 20: da lunedì 4 a venerdì 8 novembre, verrà offerta al pubblico una striscia quotidiana dello show, della durata di 15 minuti. Lo spettacolo proseguirà, poi, in esclusiva solo su Rai Play, dal 13 novembre al 20 dicembre, ogni mercoledì, giovedì e venerdì (sempre alle ore 20.30). Nel week-end, invece, Radio2 proporrà, alle ore 11, “Il meglio di Viva Rai Play”.

Inoltre, l’offerta della piattaforma Rai Play si amplierà: oltre all’archivio dei programmi in onda sulla Rai, saranno presenti rassegne di film, serie tv, documentari, programmi tratti dall’archivio delle Teche Rai, eventi sportivi e cartoni animati.

I numeri di Rai Play sono già considerevoli: 12.4 milioni di utenti registrati e 12 milioni di app scaricate. I video visti sono 488 milioni nel periodo gennaio/settembre 2019, mentre le ore di visione sono state 200 milioni.

Viva Rai Play: le parole di Salini (AD Rai) e del mattatore Fiorello

”E’ un momento di forte discontinuità per la Rai. – ha dichiarato l’Amministratore Delegato della Rai, Fabrizio Salini – Poco meno di un anno fa, ho voluto coinvolgere Fiorello in questo progetto. In lui ho trovato coraggio, voglia di fare e comprensione. Con ‘Viva Rai Play’ facciamo show live per più di un mese, nessuna piattaforma digitale ha fatto una cosa del genere. E’ un progetto multipiattaforma, che solo la Rai è stata in grado di mettere a punto”.

Poi, durante la presentazione del varietà, è arrivato il momento del mattatore Fiorello: “Questo di ‘Viva Rai Play’ è un inizio, come quello della tv a colori. A volte, mi sorprendo di come faccio ad accettare certe cose. Ho 60 anni, mi piacciono le sfide, se mi avessero chiesto di fare un programma su Rai1 avrei detto di no, perchè non sarebbe stato altrettanto interessante. Su Rai Play farò uno show di 50 minuti, tutto da inventare e improvvisare con la massima libertà”.

“Sono pronto a intervistare anche i politici. – ha proseguito lo showman – Salini lo sta apprendendo in questo istante”. “Per quanto riguarda il cast, ne farà parte anche il grande giornalista Vincenzo Mollica, ma non posso dire ancora come”.

Queste le parole del comico siciliano, sulla sua partecipazione a Sanremo 2020: “Ad Amadeus, che sarà il primo ospite di ‘Viva Rai Play’, ho chiesto di lasciarmi tranquillo fino al 20 dicembre, poi ragioniamo su quello che possiamo fare. Ma che io vada al Festival è sicuro, ce lo siamo detti 35 anni fa a Milano. Probabilmente verrà anche Jovanotti, sarebbe carino fare una cosa a tre”.

Sulle aspettative che riguardano il nuovo spettacolo in Rai, Fiorello si è dichiarato ambizioso: “Vogliamo portare, su Rai Play, anche un pubblico di una certa età, per dimostrare che tutti possono stare al passo con i tempi. Non puntiamo solo sul pubblico dei giovani, che, nel caso, saranno solo una piacevole e inaspettata conseguenza”.

TAG: , , , ,